Home Calcio Verso Pescara – Ternana, parlano Sebastiani e Zeman

Verso Pescara – Ternana, parlano Sebastiani e Zeman

124
0
CONDIVIDI

Pescara. Alla vigilia del match interno del Pescara con la Ternana, hanno parlato il patron della società, Daniele Sebastiani ed il tecnico Zdenek Zeman.

Queste sono le parole del presidente riportate da forzapescara.com: ”La mia presenza qui è dovuta al fatto che si mette in discussione Zeman e voglio chiarire la mia posizione. Ho sempre detto che siamo tutti sotto esame e le responsabilità sono di tutti. Del presidente, dell’allenatore e dei giocatori, ma Zeman non si tocca. Il mister avrebbe voluto una rosa più corta e altri due giocatori che non sono arrivati, ma non per demeriti nostri. È stato un mercato condiviso ma abbiamo il mercato di gennaio per sfoltire la rosa. Oltre a togliere dobbiamo anche far entrare dei calciatori. Questa squadra ha spesso dimostrato di poter essere protagonista in campo poi purtroppo abbiamo delle amnesie. Ad esempio con la Samp, a parte i primi dieci minuti, ma poi abbiamo fatto una grande partita. L’allenatore non è assolutamente in discussione. Abbiamo un programma da rispettare, con una squadra molto giovane e che ha bisogno di tempo. C’è grande fiducia nella squadra, nell’allenatore e vogliamo arrivare il più avanti possibile. Mi hanno comunicato che ieri c’era uno striscione che metteva in dubbio il futuro di questa società. Il problema che tutti sanno che fine farà questo Pescara. Oggi firmerò il contratto di acquisto del centro sportivo Poggio degli ulivi, e questo dimostra che forse qualcuno non vuole capirlo volutamente. Sono molto soddisfatto del nostro lavoro e spero di andare avanti il più a lungo possibile.”

Invece così il tecnico, sempre secondo quanto riportato da forzapescara.com: ”La Ternana ha cambiato tanti moduli, non so come ci affronteranno ma non posso dare consigli a Pochesci. Subiscono poco dagli avversari. Sono aggressivi ma tirati all’indietro. Ganz non sarà convocato a causa di un infortunio riportato in settimana. Purtroppo nelle ultime gare abbiamo sempre giocato più dell’avversario ma non abbiamo concretizzato. C’è poca convinzione e applicazione. Queste cose non si comprano in farmacia, ci si arriva con il lavoro continuo. Tra i convocati c’è Stendardo vista l’assenza di Campagnaro.”