Home Basket Il derby va al Chieti ma l’Adriatica Press Teram recrimina con gli...

Il derby va al Chieti ma l’Adriatica Press Teram recrimina con gli arbitri

168
0

L’Adriatica Press ha giocato l’ennesima partita di cuore, voglia, rabbia e spirito di sacrificio. La posta in palio è alta per entrambe le squadre e infatti nel primo quarto si segna pochissimo con il Chieti che mantiene un mini vantaggio al termine dei primi dieci minuti sul 12-18.

All’inizio del secondo quarto i teatini provano a scappare con l’ex Milojevic, piazzando il break del 14-23. Domizioli chiama subito time out, riordina le idee ai suoi ragazzi ed il Teramo reagisce alla grande con un Kekovic “on fire”. Il giovane montenegrino firma il parziale che riporta i biancorossi sul 29-30 a pochi minuti dal termine del primo tempo.

Nella ripresa il Chieti va in bambola e non segna per ben 6 minuti. L’Adriatica Press, sospinta da un caloroso Palaskà, prova ad approfittarne con Fabi ed Aromando, portandosi sul 37-32 al 25′. Qui però l’attacco biancorosso s’inceppa e il Chieti, lentamente, comincia a rosicchiare qualche punto. Di Emidio e l’altro ex di giornata, Staffieri, completano la rimonta ed il terzo quarto si chiude in perfetta parità (43-43).

L’Adriatica Press inizia benissimo il quarto periodo, Gueye prende un tecnico ed il Teramo vola sul 52-46. In questo momento comincia una sorta di sparatoria in stile spaghetti western, con un botta e risposta da tre punti tra Marchetti e Gueye. Lagioia in difesa è un leone ed il Teramo continua a mantenere il vantaggio. Qui però, come detto prima, entrano in gioco gli arbitri e i due fischi sbagliati descritti poco sopra condizionano pesantemente il match che termina quindi ai tempi supplementari sul 63-63, con il tiro libero realizzato da Di Carmine a tempo praticamente scaduto.

L’overtime inizia in salita per il secondo fallo tecnico fischiato a Marchetti (espulso). Costa con due triple prova a tenere a galla i biancorossi ma il Chieti realizza canestri chiave con Di Carmine e Ponziani. Ci pensa Gialloreto infine a chiudere i conti dalla linea della carità.

Termina quindi 73-77 con gli applausi del Pala Scapriano, che ha contestato l’arbitraggio di Alberto Giansante di Siena, e Giacomo Fabbri, di Cecina, autori di una prestazione assolutamente insufficiente che ha condizionato negativamente un derby che l’Adriatica Press Teramo avrebbe meritato nettamente di vincere per quanto dimostrato sul parquet, in cui in più di una situazione ha messo in seria difficoltà una big come il Chieti.

Adesso ci sarà il derby in trasferta contro il Campli, sarà fondamentale convertire la rabbia di oggi in energia per conquistare i due punti e muovere la classifica.

ADRIATICA PRESS TERAMO – EUROPA OVINI CHIETI 73-77

(12-18, 19-14, 12-11, 20-20, 10-14)

Adriatica Press Teramo: Aromando 15, Rossi ne, Costa 11, Kekovic 10, Fabi 11, Marsili 4, Massotti ne, Lagioia 6, Pavicevic 6, Manente ne, Di Diomede ne, Marchetti 10. Coach: Massimiliano Domizioli

Teate Basket Chieti: Berardi ne, Milojevic 9, Di Carmine 16, Gialloreto 5, Cocco ne, Sigismondi ne, Di Emidio 11, Ponziani 15, Staffieri 3, Rotondo 2, Gueye 15. Coach: Piero Coen